Qual è stata l’eruzione vulcanica più devastante sulla Terra?


Qual è stata l’eruzione vulcanica più devastante sulla Terra?

Qual è stata l'eruzione vulcanica più devastante sulla Terra?
Qual è stata l’eruzione vulcanica più devastante sulla Terra?

Secondo gli esperti non c’è dubbio, l’eruzione vulcanica più devastante del mondo si è verificata nel 1257 in Indonesia, l’eruzione causò decine di migliaia di vittime anche per la persistenza prolungata delle ceneri in atmosfera che determinarono piogge incessanti, alluvioni, carestie e l’assenza dell’estate per quell’anno.

Si stima che 40 chilometri cubi di detriti ricaddero, dopo essere stati scagliati fino a un’altezza di 43mila metri, su tutta la superficie del Pianeta ricoprendo ogni cosa e arrivando fino in Europa, come confermerebbero le analisi al radiocarbonio su alcuni corpi rinvenuti in fosse comuni a Londra. Solo recentemente, però, gli scienziati sono riusciti a identificare il responsabile di tale disastro ambientale: si tratta del vulcano Samalas sull’isola indonesiana di Lombok.



Già prove significative di una misteriosa e intensa eruzione tra il 1257 e 1258 furono rinvenute nei carotaggi dei ghiacci antartici ma l’origine non era chiara. La consistenza dei depositi di polveri vulcaniche, tefriti e solfati, indicavano il verificarsi di un evento vulcanico di magnitudo 8 volte superiore all’esplosione del vulcano Krakatoa (1883) e doppia di quella del vulcano Tambora (1813) collocando tale evento al primo posto tra quelli più devastanti degli ultimi 7mila anni. Questi dati sono stati confermati dallo studio degli anelli di accrescimento di alberi carbonizzati e dallo studio di antichi documenti storici, sia europei sia locali, dove si fa riferimento anche alla distruzione dell’allora capitale Pamatan a cui, a quanto pare, toccò la stessa sorte di Pompei.

Eruzione più grande del mondo, eruzione più grande della storia, vulcano Samalas, vulcano, Krakatoa, vulcano Tambora, eruzione più distruttiva del mondo, Pamatan, Pompei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline