Quando l’uomo ha iniziato a suonare?


Quando l’uomo ha iniziato a suonare?

Il primo strumento musicale del mondo: Il flauto di Divje Babe
Quando l’uomo ha iniziato a suonare?

Nel 1995 in Slovenia, nella Grotta di Divje Babe è stato ritrovato un femore di un giovane orso delle caverne (Ursus speleus, una specie ora estinta) con due fori completi. Il livello archeologico risaliva al periodo dell’uomo di Neanderthal ed è datato a 55mila anni fa. Subito si pensò che l’osso – la cui parte rimanente misura 11,36 centimetri – fosse stato lavorato per essere usato come un flauto, ma poi scoppiarono polemiche e diversi studiosi sostennero la tesi meno evocativa che i fori fossero stati provocati solo dai denti di un animale carnivoro.



Recentemente un team di ricercatori italiani e sloveni ha sottoposto l’oggetto a una microtomografia computerizzata a raggi X, una tecnica di indagine ad alta risoluzione che permette di riprodurre sezioni ed elaborazioni tridimensionali. Le analisi, pubblicate sulla rivista Archaeometry, hanno permesso di scoprire che i fori originari erano almeno quattro e che molto probabilmente furono fatti con uno strumento appuntito in osso o in pietra.

Un’azione deliberata che quindi ha confermato negli studiosi l’idea di trovarsi davanti a un vero strumento a fiato in grado di produrre melodie. Si tratterebbe quindi del più antico strumento musicale del mondo. Un maestro del Teatro nazionale sloveno ha anche condotto delle sperimentazioni musicali ricavando dei suoni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*