Qual è l’origine della ricetta delle patatine fritte?


Qual è l’origine della ricetta delle patatine fritte?

Qual è l'origine della ricetta delle patatine fritte?
Qual è l’origine della ricetta delle patatine fritte?




Una sera d’agosto del 1853 Cornelius Vanderbilt, allora noto magnate dei trasporti ferroviari e marittimi, si recò a cenare presso il Moon’s Lake House, un nuovo ristorante di Saratoga Springs, negli Stati Uniti, dove ordinò delle patate per contorno. L’esigente cliente non gradì la loro modalità di cottura né la consistenza: a suo avviso le patate erano state tagliate troppo spesse. Fu per questo motivo che rimandò indietro per ben tre volte il piatto, in attesa che il suo gusto venisse soddisfatto.

Infastidito, lo chef George Crum tagliò le patate in maniera sottilissima e le gettò nell’olio bollente, facendole quasi bruciare; quindi, le cosparse di sale e le fece servire, convinto di aver messo in pratica la giusta vendetta per il fastidioso cliente. L’esito, però, non fu quello immaginato e si mostrò gradevolmente inatteso: anziché lamentarsi nuovamente, Vanderbilt gradì molto la nuova ricetta e porse al cuoco i suoi più vivi complimenti.

Spinte dalla curiosità, le altre persone che si trovavano a cena nel locale ordinarono il nuovo piatto che divenne famoso con il nome di saratoga chips e che si sarebbe presto diffuso anche negli altri ristoranti con il nome di potato chips. Esiste anche un’altra versione della storia, secondo la quale sarebbe stata la cognata di Crum, Catherine Wicks, a far cadere accidentalmente delle piccole fette di patata nell’olio in cui stava per cuocere i doughnut: assaggiatole, Crum le avrebbe trovate deliziose e avrebbe quindi deciso di proporle alla clientela.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*