Perché siamo gelosi?


Perché siamo gelosi?

La gelosia umana
Perché siamo gelosi?

Darwin l’aveva definita “difesa istintiva della coppia” e ci aveva visto giusto. Secondo psicologi evoluzionisti e neuroscienziati la gelosia nasce dalla volontà di mantenere unita la coppia per poter replicare i geni nelle generazioni future. Si tratta di qualcosa di innato: anche alcuni animali, come gli elefanti marini, i cervi e i maschi di babbuini, difendono le proprie femmine e lottano per esse.



Gli scienziati hanno individuato nell’area ventromediale della corteccia prefrontale la zona del cervello collegata ai meccanismi della gelosia e hanno anche scoperto come questo sentimento abbia motivazioni diverse tra maschi e femmine sempre a causa dell’evoluzione. L’uomo, infatti, sembrerebbe più preoccupato dell’aspetto sessuale e, quindi, di una possibile infedeltà della compagna, perché il suo istinto è, appunto, quello di assicurarsi la perpetuazione del proprio codice genetico avendo la sicurezza che i figli siano i suoi.

La donna, invece, cerca nel compagno qualcuno che si prenda cura della famiglia e da qui viene la sua paura dell’abbandono a favore di un’altra alla quale il compagno potrebbe legarsi emotivamente. La gelosia, seppur innata e naturale può però diventare patologica e, secondo un recente studio dell’Università di Pisa, questa condizione dipenderebbe da alterazioni di livelli di serotonina, il neurotrasmettitore con cui le cellule dialogano tra di loro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*