Cosa sono le egagropile?


cosa sono le egagropile?

Egagropile, Posidonia oceanica
Cosa sono le egagropile?




Le egagropile sono quegli agglomerati marroni, dalla forma sferica od ovale, simili a gomitoli infeltriti e pelosi, che spesso si trovano sulle nostre spiagge: si tratta dei residui fibrosi di foglie e radici di Posidonia oceanica, una pianta marina endemica del Mediterraneo, che forma praterie subacquee lungo le coste. Il moto ondoso aggrega in palline le fibre vegetali che si staccano dalla posidonia, e le mareggiate le portano a riva.

Le egagropile (dal greco: aígagros, capra selvatica, e pîlos, feltro),  inglobano al loro interno sabbia e piccoli invertebrati. Ma non solo; come è emerso da uno studio condotto dai ricercatori dell’Enea e dell’Università degli Studi Roma Tre, le egagropile possono incorporare anche plastica e microfibre.

Come riporta la ricerca, pubblicata su Environmental Pollution, delle 685 egagropile raccolte lungo le spiagge del Lazio, il 52,84% è contaminato: le plastiche, polietilene e nylon, derivano dai frammenti di buste e dai residui di reti e fili da pesca. Le microfibre invece sono costituite da intrecci di poliestere, poliammide, PET e cotone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*