Chi ha inventato i semafori?


Chi ha inventato i semafori?

Quando furono costruiti i primi semafori?
Chi ha inventato i semafori?

Furono inventati nel XIX secolo dall’ingegnere britannico J.P. Knight (1828-1886), che si ispirò, per la sua realizzazione, ai segnali ferroviari. Il dispositivo fu installato a Londra nel dicembre del 1868, vicino alla House of Commons (Camera dei Comuni), all’incrocio tra Great George Street e Bridge Street, per regolare il traffico di carrozze, che pare fosse particolarmente selvaggio.



Il primo semaforo era una sorta di lanterna girevole con una luce rossa e una verde, che veniva azionato manualmente dai poliziotti in servizio, a seconda dell’ordine di circolazione o di stop. Funzionava a gas, come l’illuminazione pubblica del tempo. Nel 1869, però, esplose, causando la morte di un agente, e fu in seguito rimosso. Il primo semaforo elettrico, sempre a due colori, fu azionato a Cleveland, negli Stati Uniti, nel 1914, mentre a New York, nel 1918, furono installati i classici semafori a tre luci: rosso, verde e giallo, sempre manuali. Negli anni Venti, invece, vennero creati quelli automatici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*