Chi ha inventato il fumetto?


Chi ha inventato il fumetto?

Quando è nato il fumetto?
Chi ha inventato il fumetto?

Fin dall’antichità, l’uomo ha affidato alle immagini le storie che voleva raccontare: illustrazioni, quadri, affreschi, sculture, fregi, arazzi e vetrate decorate hanno aiutato la comunicazione e la circolazione di idee e concetti. Già nel Libro dei Morti egiziano (1500 a.C.), una raccolta di formule rituali per l’ingresso nell’aldilà, la narrazione era affidata alle scene consequenziali con il testo inserito nei disegni.



Il primo fumetto vero e proprio, però, risale agli inizi del XIX secolo. Lo svizzero Rodolphe Töpffer (1799-1846) avrebbe voluto seguire le orme paterne e diventare un pittore, ma a causa di una malattia agli occhi dovette rinunciare alla carriera artistica. Scelse, così, di dedicarsi all’insegnamento. Non perse, comunque, la passione per il disegno e cominciò a scrivere brevi storie illustrate e didascaliche per i suoi alunni. Nel 1827 raccontò le avventure amorose di un personaggio tragicomico in un album dal titolo Les amours de Monsieur Vieux Bois (Gli amori del signor Vieux Bois).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*