Chi ha inventato il cibo in scatola?


Chi ha inventato il cibo in scatola?

Bouteille à conserve Appert
Chi ha inventato il cibo in scatola?

Il procedimento per conservare a lunga scadenza gli alimenti e preservarli dalla decomposizione fu inventato da un cuoco francese di nome Nicolas Appert (1749-1841), che sperimentò diverse soluzioni tra la fine del XVIII secolo e l’inizio del XIX. Nel 1809 Appert giunse a ottimizzare perfettamente il suo metodo: un barattolo di vetro ermeticamente sigillato, che poteva contenere le più svariate pietanze, veniva avvolto in un panno di stoffa e fatto bollire per alcune ore. Nel 1810,l’imprenditore inglese Pierre Durand (1766-1822) riprese l’idea di Appert, ma sostituì le bottiglie di vetro con delle lattine di banda stagnata.



Nel 1813, due ingegneri britannici, Bryan Donkin (1768-1855) e John Hall, diedero inizio alla produzione industriale di conserve. L’utilizzo del cibo in scatola fu una rivoluzione che si rivelò significativa anche a livello militare, perché garantiva razioni sostanziose e sterilizzate all’esercito, evitando così la malnutrizione e diffondersi di malattie come colera o scorbuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*