In Italia lavoriamo meno che in altri Paesi?


In Italia lavoriamo meno che in altri Paesi?

In Italia si lavora poco rispetto agli altri Paesi?
In Italia lavoriamo meno che in altri Paesi?




No, secondo l’Ocse è esattamente il contrario: in Italia, nel 2014, chi aveva un impiego stabile ha lavorato in media 1.734 ore, contro le 1.677 ore annuali di un lavoratore inglese, le 1.568 ore di uno svizzero, le 1.473 di un francese e le 1.371 ore di lavoro di un cittadino tedesco. Battiamo anche i giapponesi, che lavorano 1.729 ore l’anno. In cima alla classifica ci sono i messicani, che dedicano ogni anno 2.228 ore al lavoro. Meglio di noi fanno anche Usa (1.789 ore), Portogallo (1.857 ore) e Grecia (2.042 ore).

Se però si considera non il tempo dedicato al lavoro ma la produttività, le cose cambiano: il PIL prodotto per ora lavorata in Italia è di 45,04 dollari, contro i 59,24 della Germania. E gli stipendi? Siamo il fanalino di coda: nel 2014 l’Italia occupava la ventesima posizione tra i 34 Paesi Ocse per salari reali, al di sotto della media di tutti i maggiori Paesi industrializzati. I nostri stipendi medi reali annuali nel 2014 sono stati pari a 35.442 dollari. In media nell’Ocse corrispondevano a 46.533 euro. In Italia si guadagna meno che in Spagna (38.386 dollari), Francia (40.917 dollari) e Germania (44.007). Al top gli Stati Uniti con 60.779 dollari, seguiti dal Lussemburgo con 60.607 dollari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*