Come si sono evoluti gli orologi atomici?


Come si sono evoluti gli orologi atomici?

L'evoluzione degli orologi atomici
Come si sono evoluti gli orologi atomici?




L’evoluzione nel tempo degli orologi, resa possibile dallo sviluppo della tecnologia, ha consentito il controllo di fenomeni fisici in periodi sempre più brevi. E’ solo però con l’era atomica, nella prima metà del Novecento, che si è riusciti a determinare un’unità di tempo precisa, utilizzando i cambiamenti dell’attività degli atomi. Grazie al contributo dei ricercatori del National lnstítute of Standards and Technology, gli orologi atomici di nuova generazione sono ancora più impeccabili dei loro predecessori.

Ottenuti con atomi di itterbio, questi orologi possono “sbagliare”, infatti, solo di un secondo nell’arco di milioni di anni. La loro attendibilità, che supera di dieci volte quella dei precedenti, è dovuta al fatto che in questi ultimi i cambiamenti negli atomi vengono misurati attraverso una nuova tecnica, quella del laser, che riduce la loro instabilità, aumentandone così la precisione: si comportano di fatto come pendoli che potrebbero oscillare con un tempismo perfetto senza mai sbagliare per una durata paragonabile all’età dell’Universo, 13,7 miliardi di anni.

Di recente inoltre, in un articolo pubblicato su Nature Physics, è stata annunciata una proposta straordinaria che potrebbe comportare a sua volta il raggiungimento di precisione ancora maggiore nella misurazione del tempo: quella di una rete mondiale di orologi atomici tenuti sincronizzati costantemente grazie alla correlazione quantistica a distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*