È vero che il caffè non fa dormire?


È vero che il caffè non fa dormire?

Il caffè non fa dormire?
È vero che il caffè non fa dormire?

Una ricerca israeliana sostiene di aver scoperto il meccanismo con cui la caffeina agisce sul sonno: essa blocca la produzione di adenosina, un enzima che si accumula durante il giorno e riduce la produzione di neurotrasmettitori stimolanti come l’acido glutammico e la dopamina, inducendo così un senso di stanchezza e stimolando la creazione di melatonina, che a sua volta è l’ormone connesso al ritmo sonno-veglia. Una recente ricerca dell’università di Detroit ha confermato che la caffeina può ritardare l’addormentamento e può ridurre qualità e durata del sonno.



In tema di sonno, sono note anche le potenzialità della caffeina nel facilitare il risveglio. Ma secondo uno studio dell’Università di Bristol questa capacità di “dare lo scossa” nel lungo termine non è poi così efficace. Mettendo alla prova in test di memoria e di reazione bevitori abituali di caffè e persone che non ne fanno abitualmente uso, è risultato che le prestazioni dei due gruppi sono analoghe. Ad ottenere i risultati peggiori sono stati invece i bevitori abituali di caffè che ne erano stati privati.

Da queste analisi gli studiosi hanno ricavato il convincimento che la caffeina crei assuefazione, e di conseguenza da un certo momento in poi non generi più effetti positivi ma al contrario renda necessario il consumo per evitare gli effetti negativi da astinenza. Infine è stato accertato che la caffeina agisce diversamente su ogni singola persona, soprattutto perché differenze genetiche e di metabolismo possono portare a reagire molto diversamente alle sostanze contenute nel caffè. Ecco perché alcune persone al contrario della maggioranza arrivano a prendere una tazza di caffè per conciliare il sonno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*