Solo gli esseri umani provano rimpianto?


Solo gli esseri umani provano rimpianto?

Il rimpianto è una prerogativa umana?
Solo gli esseri umani provano rimpianto?

Quella del rimpianto, esperienza umana universale capace di condizionare pensieri e azioni nel tempo, non è più un’esclusiva degli umani: Adam Steiner e David Redish dell’Università del Minnesota hanno portato avanti una ricerca sperimentale in laboratorio su un gruppo di roditori che ha fornito la prima prova dell’esistenza di questa reazione emotiva in mammiferi non umani.



Anzitutto è stato necessario definire in maniera univoca il rimpianto per poterlo individuare correttamente e distinguere da altri sentimenti affini, come la delusione: a differenza di quest’ultima, che si prova nel momento in cui si ha la consapevolezza che un risultato non ha soddisfatto le proprie aspettative, il rimpianto nasce laddove si capisce che un esito non positivo è stato determinato da una scelta sbagliata.

Per questa ragione, nel corso dell’esperimento chiamato “Restaurant Row“, ai ratti è stata data la possibilità di scegliere quanto aspettare per ricevere una ricompensa alimentare: le porzioni di cibo offerte dai dispenser posizionati lungo il percorso erano tutte di sapori diversificati e a ciascuna corrispondevano differenti tempi di attesa segnalati da specifici suoni.

I ratti dunque, nel corso delle sessioni del test della durata di 60 minuti al giorno, avevano a disposizione una quantità di tempo limitata per visitare le varie postazioni. In questo modo è stato scoperto che i roditori mostravano delle preferenze in relazione al cibo poiché spesso, dopo aver saltato un dispenser con una buona ricompensa, una volta giunti al successivo, insoddisfatti, si giravano a guardare quello mancato, rivelandosi ben disposti a tollerare poi tempi di attesa più lunghi.

Pertanto è stato possibile capire che i roditori erano consapevoli del non aver effettuato sempre la scelta giusta: ed era proprio allora, una volta compreso lo sbaglio, che veniva registrata in loro l’attivazione della corteccia orbito frontale, area cerebrale strettamente connessa con il rimpianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*