Cosa ci facevano i legionari romani in Cina?


Cosa ci facevano i legionari romani in Cina?

Cosa ci facevano i legionari romani in Cina?
Cosa ci facevano i legionari romani in Cina?

Secondo una teoria elaborata negli anni Cinquanta da Homer Dubs, professore di storia cinese dell’Università di Oxford, dalla fine del I secolo a.C. alcuni legionari romani avrebbero abitato l’antica città di Liqian, identificata con l’attuale villaggio cinese di Zhelaizhai, ai margini del deserto del Gobi. Si tratterebbe dell’unico gruppo di soldati sopravvissuti alla battaglia di Carre (odierna Turchia), in cui nel 53 a.C. le legioni di Roma, al comando di Crasso, furono sterminate dai Parti.



I superstiti sarebbero stati inviati in Asia Centrale finendo, dopo varie vicissitudini, in mano ai cinesi, che li utilizzarono come mercenari insediandoli infine a Liqian. Dai test del Dna effettuati sui suoi attuali abitanti, è emerso che molti avrebbero origini caucasiche, circostanza confermata dai loro tratti somatici simili a quelli europei. Le tesi di Dubs, tratte da indizi presenti in manoscritti della dinastia cinese degli Han, lasciano comunque molti dubbi insoluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*