Cos’è il solstizio d’estate?


Cos’è il solstizio d’estate?

Quando inizia il solstizio d'estate?
Cos’è il solstizio d’estate?

Tutti sappiamo che corrisponde al 21 giugno (o il 20) e che segna l’inizio dell’estate, ma in verità il solstizio d’estate non indica un’intera giornata, bensì un momento ben preciso: quello in cui il Sole, nel suo moto apparente tra le stelle, raggiunge il punto di “declinazione massima”, ossia la sua altezza massima sull’orizzonte calcolata a mezzogiorno. Da questo momento in poi, il Sole inizia a “scendere” e le giornate ad accorciarsi.

Il termine “solstizio” deriva infatti dal latino solstitium, “sole fermo” (poiché esso “sospende” la sua ascesa). Ma perché i solstizi (e gli equinozi) non cadono sempre nella stessa data? Dipende dalla differenza tra l’anno civile (quello del calendario, la cui durata è fissata in 365 giorni esatti) e l’anno solare (o tropico), che è quello di un ciclo completo di stagioni.



Quest’ultimo ha una durata di 365 giorni, 5 ore, 48 minuti e 46 secondi. In breve, ogni anno il solstizio “ritarda” di quasi 6 ore e, per evitare divergenze con il calendario civile, esso viene “riallineato” ogni 4 anni, introducendo un giorno in più negli anni bisestili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*