Come si incide un vinile?


Come si incide un vinile?

Come si incidono i vinili?
Come si incide un vinile?

Si utilizza un tipo di tornio chiamato fonoincisore, capace di convertire un segnale audio prima in segnale elettrico e poi in movimento meccanico. Il master (cioè il disco) da incidere viene posto su un piatto rotante (collegato a un motore) che gira a una velocità costante di 33 o 45 giri al minuto. La puntina di incisione, di zaffiro o rubino sintetico, è collegata alla testina, a sua volta collegata all’amplificatore audio.

I solchi sul master corrispondono alle frequenze alte e basse del suono, filtrate prima da un equalizzatore. Il primo apparecchio per la registrazione del suono, inventato da Édouard-Léon Scott de Martinville, è stato brevettato nel 1857, mentre il disco in vinile è stato introdotto nel 1948 per sostituire quelli realizzati in gommalacca.



Nell’era di Spotify, della musica su smartphone e tablet, il mercato del vinile non è morto: in Italia nel 2014 la vendita di dischi è cresciuta del 76,5%. Per gli appassionati che vogliono cimentarsi con la produzione di dischi esiste una moderna versione “casalinga” del fonoincisore: il Vinylrecorder T560.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline