Che cos’ha di strano il fiume Tonlé Sap?


Che cos’ha di strano il fiume Tonlé Sap?

Il fiume Tonlé Sap, il fiume che inverte il suo scorrimento
Che cos’ha di strano il fiume Tonlé Sap?

Il Tonlé Sap, il cui nome significa Grande fiume dalle acque fresche, scorre in Cambogia ed è lungo circa 110 chilometri. Un fiume qualunque, insomma, se non fosse per una particolare caratteristica: a seconda della stagione inverte la sua direzione di scorrimento. Durante la stagione secca, che in quella parte di mondo è tra novembre e maggio, il Tonlé Sap scorre da nord a sud, ossia dal lago che porta il suo stesso nome al fiume Mekong.



Da giugno a ottobre, invece, nella stagione delle piogge monsoniche, il Mekong va in piena e inizia a respingere le acque di questo strano fiume, che prendono a scorrere nel senso opposto, da sud a nord, provocando l’esondazione del lago da cui aveva avuto origine. Quest’ultimo passa così da una profondità di 2-3 metri a un massimo di 14 metri e da una superficie minima di 2.500-3.000 km² a 10.000-20.000 km², arrivando a occupare circa il 7% del territorio cambogiano. Il Tonlé Sap è stato dichiarato “riserva della biosfera” dall’Unesco nel 1997.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*