Che cos’è la “sindrome del rientro”?


Che cos’è la “sindrome del rientro”?

Non è una vera e propria depressione, ma un disturbo dell’adattamento: il corpo e la mente, dopo un periodo di riposo, faticano a riabituarsi ai ritmi consueti, così circa un italiano su due (per lo più fra i 25 e i 45 anni), al rientro dalle vacanze deve fare i conti con stanchezza eccessiva, malessere, difficoltà di concentrazione, ansia.



Disagi condivisi anche dagli americani, e pesanti al punto che per il 43% di loro, stando ai risultati di un’indagine Usa, l’idea di tornare alla routine basta a rovinare le ferie o a far addirittura venire voglia di rinunciarci del tutto.

Un rientro soft però è possibile, per esempio lasciandosi uno o due giorni “cuscinetto” liberi dal lavoro, utili per riprendere il ritmo con più calma. Infine, una volta tornati, meglio sbrigare le incombenze più leggere nei primi giorni. Aiuta anche una buona dose di attività fisica quotidiana, importante per il buonumore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*