Perché l’inno della Spagna non ha un testo?


Perché l’inno della Spagna non ha un testo?

Perché l'inno spagnolo non ha un testo ufficiale?
Perché l’inno della Spagna non ha un testo?

Perché in passato vari monarchi hanno tentato di introdurne una versione propria, e alla fine, per non fare torto a nessuno, si è scelto di… non scegliere, tenendo per buona solo la musica, una marcia dai toni epici nota come Marcha Real, o Marcha Granadera.



Composta in Prussia nel 1761, fu in seguito donata alla monarchia spagnola, affermandosi in poco tempo come inno nazionale “di fatto”. In seguito furono elaborati più testi, a partire da quello composto nel 1843 da Ventura de la Vega (che cominciava con “Venid españoles” e terminava con “Dios salve al país”) fino ad arrivare alle versioni introdotte dal sovrano Alfonso XIII di Spagna e dal dittatore Francisco Franco, ma nessuno di essi è oggi ufficialmente riconosciuto.

La ricerca di parole condivisibili da tutti per la Marcha Real è complicata dal fatto che in Spagna, oltre al castigliano (lingua ufficiale), si parlano catalano, basco e galiziano, idiomi di minoranze che, a partire dalla Catalogna, sono spesso impregnate di un forte spirito autonomista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline