Esistono sostanze chimiche che assorbono l’inquinamento?


Esistono sostanze chimiche che assorbono l’inquinamento?

Il padiglione italiano dell'expo 2015 fatto con il Tx Active
Esistono sostanze chimiche che assorbono l’inquinamento?

Sì, e tra queste il più noto è il biossido di titanio (TiO2) che è un composto fotocatalitico, in grado, cioè di reagire con la luce solare come catalizzatore, degradando per ossidazione numerosi composti organici e sostanze inquinanti presenti nell’aria come composti azotati (NOx), il piombo, benzene, monossido di carbonio e biossido di zolfo.



Il TiO2 in natura è presente in tre forme cristalline diverse – il rutilo, l’anatasio e la brookite – che vengono utilizzate nelle vernici, nelle materie plastiche, nel cemento ma anche nei cosmetici e nell’industria alimentare. In forma di anatasio, in particolare, ha potere antibatterico, antivirale, fungicida, anticancerogeno, antimacchia, purificatore di aria e di acqua, deodorante, antiappannante  e idrofilico e per questo in Giappone, già da alcuni anni, viene utilizzato per produrre piastrelle negli ospedali (elimina il 99,9 per cento dei batteri di una coltura) mentre in diverse località d’Europa viene utilizzato per preparare calcestruzzi e cemento.

Quest’ultimo, chiamato Tx Active, è una scoperta tutta italiana del chimico bergamasco Luigi Cassar, che è arrivato in finale all’European  Inventor Award 2014 organizzato dall’Epo (Ufficio europeo dei brevetti). Secondo le stime del suo inventore, se il cemento “mangia-inquinamento” venisse utilizzato per ricoprire il 15 per cento delle superfici esterne di Milano potrebbe ridurre di circa  il 50 per cento le sostanze inquinanti dell’aria.

Questo innovativo prodotto, in cui studi sono iniziati nel 1991, è nato per caso, in quanto l’obiettivo iniziale era semplicemente quello di realizzare un cemento in cui il colore rimanesse inalterato nel tempo. Poi la bella scoperta: Il Tx Active poteva abbattere gli NOx e ridurre pertanto la tossicità delle polveri sottili presenti nell’aria. Per questo il Tx Active è stato scelto per realizzare il padiglione Italia all’Expo 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline