L’effetto Mozart esiste davvero?


L’effetto Mozart esiste davvero?

La musica di Mozart influenza il cervello?
L’effetto Mozart esiste davvero?




Secondo uno studio della psicologa Frances Rauscher e pubblicato su Nature nel 1993, ascoltare per dieci minuti un brano di Mozart aumentava il risultato di alcuni studenti nei test che misuravano le capacità di ragionamento spaziale. La ricerca sul supposto “effetto Mozart” ebbe molta eco, ma fin da subito le sue conclusioni furono contestate.

La Rauscher stessa spiegò che non aveva mai voluto sostenere che l’ascolto di aumentasse il quoziente intellettivo, ma solo evidenziare l’effetto temporaneo (10-15 minuti) e limitato al compito che gli studenti dovevano svolgere.

Due diversi studi rivelarono in seguito che l’incremento delle prestazioni registrato dalla Rauscher era semplicemente dovuto agli effetti eccitanti derivati da un’attività piacevole: lo stesso potenziamento mentale si può avere infatti sia con l’ascolto di Mozart, sia con altri brani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline