Il rosa è un colore femminile?


Il rosa è un colore femminile?

Il rosa era un colore maschile?
Il rosa è un colore femminile?

Lo stereotipo che accosta il rosa alle “femminucce” (e il blu ai “maschietti”) è nato in maniera casuale, diventando comune solo a partire dalla metà del XX secolo. Prima entrambi i colori venivano usati e indossati in modo indifferente da uomini e donne. Anzi, alcune riviste di moda americane di inizio Novecento consigliavano di vestire i propri bambini di rosa, considerandolo un colore “più forte e deciso” rispetto al blu, ritenuto invece “più delicato” e dunque maggiormente adatto alle bambine.



Nella maggior parte dei casi, comunque, i bimbi di entrambi i sessi vestivano di bianco, dato che i capi candidi erano più facili da lavare. L’attribuzione che conosciamo oggi si deve all’influenza della moda francese e iniziò negli Anni ’50, quando entrò in commercio una serie di prodotti popolarissimi e palesemente differenziati in base al sesso degli acquirenti. Un esempio fu quello della celebre Barbie, bambola nata nel 1959, che “femminilizzò” il rosa in maniera definitiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline