Abbiamo mai assemblato male i reperti fossili di un dinosauro?


Abbiamo mai assemblato male i reperti fossili di un dinosauro?

Il brontosauro, uno degli errori più noti di assemblaggio
Abbiamo mai assemblato male i reperti fossili di un dinosauro?

Ricostruire un organismo gigantesco partendo dal ritrovamento fossile di alcune ossa non è un’impresa facile, e non lo era soprattutto in passato, quando non c’erano le sofisticate tecnologie di oggi.

Si tratta di un vero e proprio puzzle che può comprendere centinaia di pezzi (ossa) ed è spesso incompleto. Per questo nello studio di questi animali preistorici sono stati compiuti diversi errori di interpretazione, sia delle caratteristiche anatomiche, sia del comportamento, e anche nella
classificazione.



Uno dei più noti riguarda il brontosauro, un dinosauro che tutti conoscono ma che, in realtà, non è mai esistito in quanto tale. Lo scheletro ritrovato nel 1879, infatti, e classificato con questo nome, era in realtà un altro esemplare fossile di apatosauro, scoperto un paio di anni prima dallo stesso scienziato.

Un’errata ricostruzione dello scheletro è stata fatta per Diplodocus, un dinosauro sauropode lungo fino a 27 metri, più leggero del “cugino” apatosauro. In principio, infatti, gli scienziati avevano pensato che l’animale avesse una postura “da lucertola”, con gli arti ai lati del corpo, ma in seguito, si sono resi conto che ciò avrebbe generato il dislocamento delle articolazioni.

Le colonnari zampe del Diplodocus erano, invece, diritte sotto il corpo per sostenere il suo peso. Anche il famoso Tyrannosaurus rex era stato immaginato in modo errato dal suo scopritore, Henry Fairfield Osborn, che nel 1915 ricostruì l’animale in posizione bipede appoggiato sulla coda. Solo negli anni Settanta i paleontologi capirono che questa postura era assolutamente irrealistica perché avrebbe causato l’indebolimento e la slogatura di numerose articolazioni (tra cui collo e bacino), e che la coda di Tyrannosaurus rex era sicuramente sollevata a bilanciare il peso della testa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Inline
Inline